Dal viaggio di nozze in Giappone ai KLE: KAIZEN™ (ancora) al centro di una tesi di laurea

Un viaggio di nozze in Giappone, alla scoperta di un modo diverso di pensare (e organizzare) il mondo. Una tesi di laurea da scrivere per completare, al meglio, il proprio percorso di studi. Un filo conduttore fra le due circostanze: il miglioramento continuo. Ma andiamo con ordine: quella che vi vogliamo raccontare è l’esperienza di Giulia Bergamaschi, una ragazza di Soiano del Lago (Bs) laureata magistrale (110 e lode il voto finale) all’Università Cattolica, nel campus di Brescia. La sua tesi «Aspetti specifici della formazione in Giappone», infatti, racconta KAIZEN™ e fa parlare professionisti italiani del miglioramento continuo. Ed è proprio la formazione – e il suo ruolo fondamentale per aumentare i risultati delle imprese – al centro degli studi di Giulia, laureata in «Progettazione pedagogica e formazione delle risorse umane». «Tutto è nato dal mio viaggio di nozze in Giappone – spiega l’ex studentessa, laureata a settembre e già al lavoro -. Là ho notato un altro concetto di lavoro e della sua organizzazione. Facendo delle ricerche mi sono imbattuta nell’approccio Kaizen, che utilizza lo strumento della formazione. Così quando sono tornata in Italia ho preso contatti con il Kaizen Institute di Bologna. Ho partecipato anche ad un KLE in Polidoro, per provare direttamente l’applicazione del miglioramento continuo». Da là è nata una tesi che racconta Kaizen, grazie anche alle interviste a Bruno Fabiano e Carlo Ratto, i due cofounder italiani, e ad Alessio Vignato, uno dei professionisti che quotidianamente mette in pratica l’attitudine al miglioramento continuo. Uno degli obiettivi del lavoro di tesi era di rimarcare come la formazione, all’interno delle aziende, porti sempre un ROI (Return On Investment), molto concreto. 

 

Non solo alle aziende. «KAIZEN™ per me è il miglioramento continuo che si applica non solo nei luoghi di lavoro ma quotidianamente, nella vita di tutti i giorni – ricorda Giulia –. È uno stimolo a non fermarsi mai, a non sedersi sui risultati, anche quando sono positivi». Per dirlo con le parole di Giulia, «KAIZEN™ è la scintilla che fa muovere le persone, un modo per rendere concreta, e mettere in pratica, la propria voglia di migliorare».

Recent Posts

 

Popular Posts

 
arrow up